Calcio e disciplina: come lo sport può essere utilizzato per incoraggiare un buon comportamento

See the source image

Il motivo per cui il calcio è lo sport più popolare in Inghilterra è che è divertente. È piacevole da guardare, è piacevole da giocare ed è piacevole parlarne con amici e familiari. Il calcio e la disciplina sono importanti anche per le lezioni di vita che può insegnare quasi inconsciamente, avvolte in 90 minuti di calciare un pallone. Quando si tratta di bambini che giocano a calcio, quelle lezioni diventano comportamenti radicati che poi portano con sé nella vita. In questo modo, il calcio sta davvero cambiando la vita.

Prendiamo ad esempio la disciplina e il comportamento. Ci sono innumerevoli esempi di giocatori professionisti che attribuiscono al calcio il merito di averli tenuti dritti e stretti quando altrimenti avrebbero potuto finire nei guai in giovane età.

Meno chiacchierati ma altrettanto diffusi sono coloro che sono coinvolti nel gioco di base per i quali il calcio ha avuto un impatto trasformativo, incoraggiandoli, a concentrarsi e fuggire di cui avevano bisogno.

Approfondiremo un po ‘più a fondo il modo in cui il calcio insegna e infonde disciplina nei bambini e il potere dello sport di incoraggiare un buon comportamento.

L’importanza del lavoro di squadra

Le migliori squadre di calcio del mondo funzionano solo a causa della parola più importante in quella frase: squadra. Puoi mettere insieme gli 11 migliori giocatori di calcio del pianeta, ma se tutti hanno agende individuali e non stanno lavorando per un obiettivo comune, allora è probabile che falliranno come squadra.

Mostra A – Paris Saint Germain. Un budget illimitato significa che possono combinare artisti del calibro di Gianluigi Donnarumma, Sergio Ramos, Angel Di Maria, Neymar, Kylian Mbappe e Lionel Messi in un’unica squadra. Eppure devono ancora vincere la Champions League, nonostante possiedano anche manager di livello mondiale come Thomas Tuchel e Mauricio Pochettino.

Quando allenatori bravi come questi due falliscono nell’obiettivo di guidare una squadra costellata di stelle come il PSG alla corona di campioni d’Europa, è una chiara prova che l’aspetto più importante del successo nel calcio è il lavoro di squadra.

Il lavoro di squadra richiede un buon comportamento e disciplina da parte di ogni partecipante per mettere da parte la loro ricerca di gloria personale e invece fare ciò che è necessario per il collettivo. Un giocatore a cui viene chiesto di giocare come terzino sinistro per il bene della squadra non può decidere di voler essere lui a segnare il gol della vittoria, facendogli abbandonare la propria posizione e caricare il campo.

Il calcio insegna la disciplina necessaria per funzionare come una squadra. Questo è un tratto importante che si estende al lavoro e alle relazioni personali per tutta la vita. L’uso del calcio per installarlo nei bambini fin dalla giovane età può quindi avere un impatto positivo a lungo termine sulle loro vite che si estendono verso il futuro.

Il calcio insegna il rispetto

I bambini e gli adulti che hanno rispetto per gli altri hanno maggiori probabilità di comportarsi meglio e con ciò deriva una migliore disciplina. Il rispetto è una parte importante del calcio e una che permea tutte le aree del gioco.

Inizia con l’allenatore. I calciatori devono rispettare e ascoltare i loro allenatori e seguire le istruzioni. Avere la disciplina per farlo alla fine porterà a prestazioni migliori e ad un aumento delle capacità.

Quando i giocatori di calcio possono vedere che stanno migliorando come risultato del lavoro svolto dall’allenatore, capiscono come il rispetto e la disciplina nei confronti di coloro che hanno una più ampia e profonda ampiezza di conoscenze possono essere utili. Questo si estende oltre il campo da calcio e nell’ascolto di genitori, insegnanti e altre persone in una posizione di autorità che incontreranno in età avanzata.

Ci deve essere rispetto per i compagni di squadra. Questo è nato da un individuo che fa tutto il possibile per il bene della squadra. Presentarsi agli allenamenti di calcio e alle partite in tempo, dando sempre il 100% di impegno e supportando tutti i soggetti coinvolti.

Anche i calciatori devono rispettare le regole del gioco e coloro che le amministrano. Questo è così importante che la FA ha lanciato un’intera campagna chiamata Respect prima della stagione 2008-09. Ciò ha portato a miglioramenti nel modo in cui i giocatori rispondono agli arbitri, ma c’è ancora molta strada da fare.

Coloro che infrangono le regole del calcio – che si tratti di falli, pallamano o qualsiasi altra azione illegale – sanno che rischiano la punizione sotto forma di cartellino giallo o rosso. Questo insegna il rispetto delle regole; un calciatore semplicemente non può ignorare le leggi senza che vi siano conseguenze e il suo comportamento deve successivamente rimanere sotto controllo.

Usare il calcio come strumento di contrattazione con i bambini

For children who love football and cherish playing the sport, then football coaching sessions are something to look forward to every week. They know that when they attend football training, they are going to see their friends, have fun and learn new skills to become better players.

That makes football a powerful bargaining tool for parents when it comes to discipline and encouraging good behaviour. If a child knows that their football attendance is dependent on how they have behaved at home and school, then it can be enough to ensure that they avoid being naughty in exchange for being allowed to play.

Denying a child the chance to do one of their most cherished activities can be difficult. No parent wants to know and willingly upset their kids. But if they have misbehaved and they realise there are consequences to their actions such as missing out on playing football, then it can be a moment of realisation into encouraging them into being less naughty in future. In the long run, that can only be a good thing.

If you still think that using the game time to encourage good behaviour is a form of bribery that is unfair to children, then consider this – the approach is used frequently in the adult game, up to the very top level.

Professional players who misbehave on the pitch, in training or away from football will often find themselves dropped to the bench or from matchday squads by their managers. The punishment is designed to teach them not to behave in the same way again. 

In 2019, Gareth Southgate dropped Raheem Sterling for England after a training ground altercation with Joe Gomez. A year later and Harry Maguire left out the Three Lions squad after it came to light that he had been involved in an incident whilst holidaying in Greece.

Southgate was not afraid to play without two of his most important players to reiterate the importance of good behaviour, denying them the honour of representing their country. The result? Neither Sterling nor Maguire has put a foot out of line for England since, leading to the duo being two of Southgate’s standout players in the run to the Euro 2020 final in the summer of 2021.

How We Make Footballers encourage good behaviour

When a parent signs their child up for weekly football training sessions provided by We Make Footballers, the adult is arming themselves with several tools in the battle to encourage good behaviour and discipline.

Playing football itself teaches the importance of discipline and good behaviour. The aim of We Make Footballers is to improve every child so that they achieve the maximum of their potential – and they will only do so when they understand the role that teamwork, respect, behaviour and discipline all play in the sport.

It is the duty of the FA Qualified coaches working at We Make Footballers install this understanding and these traits in players. Children who attend weekly football coaching sessions show improved discipline and behaviour as a result.

For parents, the power of the carrot and stick approach cannot be underestimated. Enrolling a child with We Make Footballers gives them an activity they will love partaking in, at the same time as handing the adult a bargaining chip – if the child misbehaves, they miss out on their weekly football session.

If it is an approach which works when Southgate deploys it on millionaire professionals like Maguire and Sterling, then it will work on a football-loving seven-year-old.

To discover more about We Make Footballers, find your nearest weekly coaching academy and sign up for a free first session, please see the We Make Footballers website.

Verified by MonsterInsights